CoseCuriose

perché c'è sempre un perché!

Visualizza gli articoli con tag natura

NutriaLe campagne della pianura Padana costituiscono un habitat ideale per le nutrie, roditori di origine sudamericana, che raggiungono il peso di 9–10 kg in età adulta.

La loro diffusione in Italia è conseguenza dell’importazione per allevamento e del successivo abbandono nei campi, dove gli animali hanno trovato un ambiente favorevole. Le campagne padane, infatti, costituiscono degli habitat ricchi di cibo e privi di naturali predatori, quali, per esempio, gli alligatori.

Le colonie di nutrie purtroppo destabilizzano i territori, scavando tane profonde negli argini di canali e fiumi e divorando coltivazioni. Si è corsi al riparo con campagne per il contenimento e l’abbattimento.

Ma come sono arrivate le nutrie in questo loro “paradiso terrestre”?

prosegui la lettura…

Stelle cadentiIl fenomeno delle stelle cadenti, che da sempre affascina e trattiene migliaia di persone con il naso all’insù, storicamente è sempre stato associato alla notte di San Lorenzo (10 agosto), durante la quale ne era stato individuato il picco massimo.

In realtà, il picco è andato spostandosi in un lavorìo di secoli e oggi è collocabile nella notte tra il 12 e il 13 agosto.

Gli esperti spiegano lo slittamento in avanti come effetto della precessione degli equinozi. Fatto sta che abbiamo qualche giorno in più per organizzarci con coperte ed amici per ammirare lo splendido fenomeno.

Salvo condizioni meteorologiche avverse, quest’anno il cielo dovrebbe consentirci di esprimere decine e decine di desideri, vista l’assenza del bagliore lunare che renderebbe meno limpido il cielo.

prosegui la lettura…

MaldiveNon è sempre facile coniugare esigenze di profitto economico con obiettivi di sostenibilità ambientale, ma il piccolo paradiso delle Maldive sembra avere intrapreso la strada giusta.

Si tratta di ben 1190 isole coralline, briciole di sabbia nell’immenso blu dell’oceano Indiano, a 770 km dalle coste dello Sri Lanka. Le maggiori sono lunghe appena tre km, le più piccole sono isolotti incontaminati. Contano appena 390 mila abitanti, ma attraggono milioni di turisti. Le Maldive sono da sempre sinonimo di bellezza tropicale e di turismo ad alto livello.

Il sogno costruito attorno a queste isole è tuttavia minacciato dal rischio di scomparsa per effetto dell’innalzamento del livello dei mari legato al riscaldamento globale.  Di qui la necessità impellente di smuovere le coscienze mondiali e di trasformarsi nel primo paese al mondo a impatto zero nell’emissione di anidride carbonica.

prosegui la lettura…

Terra e petrolioLa notizia dell’incidente sulla piattaforma petrolifera della BP (British Petroleum) nel Golfo del Messico ha riacceso i dibattiti sulla sostenibilità ambientale dell’economia americana e mondiale. I grandi disastri, purtroppo, servono anche a smobilitare le coscienze e ad accelerare le riforme.

Il The New York Times ricorda come l’incidente nella Baia di Santa Barbara di 40 anni fa, con l’esplosione di una piattaforma in mare aperto e la contaminazione di oltre 65 km di costa, abbia segnato un importante cambiamento nella regolamentazione delle estrazioni petrolifere in California. Il nuovo disastroso incidente potrebbe portare il governo americano a nuove scelte per il sostenimento delle fonti alternative. E gli Stati Uniti sono spesso capofila di movimenti che trainano poi mode e filosofie europee e impongono regole alle economie emergenti.

prosegui la lettura…

La cenere del vulcanoOk, magari non tutto in una volta!

La cenere dell’impronunciabile vulcano islandese, l’Eyjafjallajökull, che sta mettendo i “bastoni tra i motori” degli aeroplani di mezza Europa, ora è pure in vendita su Internet. Alla modica cifra di circa 82 euro, il sito nammi.is invia a casa vostra un simpatico barattolino (vedi foto) contenente un po’ di cenere raccolta per l’occasione alle pendici del fumante vulcano.

prosegui la lettura…

Rubinetto miscelatoreStamattina, mentre mi lavavo il viso, ho notato che buona parte dell’acqua veniva inutilmente sprecata! Sappiamo tutti che quando ci si lava i denti è sempre buona norma aprire il rubinetto solo quando serve e richiuderlo subito dopo (e questo si può fare tranquillamente, perché si usa una mano sola), però in altri casi ciò non è possibile (o almeno non molto comodo)!

Per attività frequenti come, appunto, lavarsi il viso o risciacquare i piatti (azioni che comportano l’utilizzo di entrambe le mani) di solito si apre il rubinetto e si lascia l’acqua scorrere… Bello spreco! Inoltre i rubinetti a miscelatore (vedi foto), che ormai si usano dappertutto, sono scomodi da regolare con precisione per quanto riguarda il flusso di acqua in uscita e quasi sempre si aprono del tutto e basta… Bello spreco 2!

prosegui la lettura…

SismografoIn questi ultimi mesi abbiamo assistito a diversi eventi sismici, sia in Italia (il terremoto in Abruzzo nell’aprile 2009) sia all’estero (ad Haiti lo scorso gennaio e in Cile pochi giorni fa). Spesso, per rendere conto della loro potenza devastante si usano delle scale di intensità (generalmente due).

Ma cosa sono la scala Mercalli e la scala Richter e che significato hanno?

prosegui la lettura…